Bodyguard cercasi

Questa mattina è successo un fatto che mi ha messo una certa inquietudine. Lo condivido con voi e vi chiedo di dirmi, sinceramente, se sto esagerando o no.

Ero in palestra e mi stavo docciando. Un tipo che non avevo mai visto prima, mentre si stava insaponando nella doccia a fianco, ha rotto il silenzio e ha detto: “Oggi è molto semplice mettere a tacere le voci scomode anche senza ricorrere alle maniere forti”.
Mi sono agitato, ma ho continuato a fare la doccia come nulla fosse e l’ho invitato, con lo sguardo, a chiarire meglio.
“Oggi tutti scrivono sul Web e, quindi, per zittire qualcuno, basta oscurargli il sito!”.
Ho capito e sono uscito dalla doccia. Mi sono asciugato frettolosamente e, appena fuori dalla palestra, ho chiamato un mio amico smanettone e gli ho chiesto di tenere sotto controllo il sito di A pieno titolo, perché qualcuno potrebbe decidere di oscurarlo.
“Stai tranquillo” mi ha rassicurato il mio amico e io mi sento in mani sicure.
Dovesse, però, essere chiuso questo sito, io, certo, non ho intenzione di tirarmi indietro: ne apro subito un altro e ripubblico tutto.
Se ricevi le mie news via WhatsApp, nel caso dovessi aprire un altro sito, ti manderò subito i nuovi link.
Se ancora non ricevi il servizio di notifica via WhatsApp, qui ti spiego come attivarlo

Il fatto di questa mattina, lo confesso, non mi lascia sereno.
Sono agitato e in ansia, anche perché, se qualcuno può minacciarmi velatamente sotto una doccia, potrebbe anche farmi del male fisicamente e non credo proprio di essere in grado di difendermi contro un professionista.
Non voglio ancora ricorrere alla magistrature, perché, qualche anno fa, ho vissuto sotto scorta e non è stata per nulla una esperienza facile o divertente. 

Ecco perché, ora, mi sto mettendo in cerca di un bodyguard.
Se sei interessato, mandami qualche riga di presentazione in cui mi dici in cosa sei specializzato e una tua foto dove ti si veda bene. Se fai al caso mio, ti chiamo e fissiamo un appuntamento per chiarire altri dettagli.

Per ora, ti chiedo un impegno minimo: quando vado in palestra (sotto la doccia non mi sento più tranquillo) e quando partecipo come relatore a convegni e serate pubbliche.