7. Maya

“E quindi” riprese Mr Brown come se non avessimo mai interrotto la conversazione “la Profezia dei Maya ti affascina”
“In realtà, mi affascinano i Maya come popolo e non solo la Profezia. Li trovo misteriosi”
“Misteriosi?”
“Sì... le piramidi... lo studio delle costellazioni celesti... la Profezia... il calendario... la loro improvvisa scomparsa...”
“I Maya extraterrestri, in altre parole” fece con un impercettibile tono ironico nella voce.
Decisi deliberatamente di ignorare la sua bonaria ironia e risposi: “Può darsi, oppure può essere che fossero venuti in contatto con qualche civiltà aliena che ha trasmesso loro conoscenze della galassia che un popolo tutto sommato primitivo difficilmente poteva ricavare con la sola osservazione a occhio nudo dei cieli... Lei che ne pensa Mr Brown” conclusi con un lieve tono di sfida nella voce.
“Zio Charles, zio Charles!” si affrettò a correggermi.
Che ne pensi zio Charles?” sottolineando la prima parte della frase.
“Tutto è possibile! Come non escluderei che gli omini verdi possano essere venuti in contatto non solo con i Maya, ma anche con altre civiltà antiche alle quali hanno regalato parte del loro sapere”
“Gli egizi costruttori delle piramidi di Giza!” lo interruppi con un entusiasmo che stupì me per primo.
“Anche, ma non solo!... A proposito di piramidi, lo sai, vero, che ce ne sono anche qui?! Potrebbe essere un segno palese del contatto con gli omini verdi: dove ci sono piramidi, son passati loro... Ma ecco la nostra gelateria!” esclamò con la gioia di un bimbo.

Non ebbi il coraggio di rivelargli che ignoravo completamente che sull’isola ci fossero delle piramidi.